venerdì 19 dicembre 2008

venerdì 12 dicembre 2008

Addio Bettie Page!

dicembre 1955: paginone centrale di 'Playboy'.

martedì 18 novembre 2008

The Mad Hatter


E se anche non fosse che un fake è comunque un Cappellaio fantastico! :-)

Tim Barton mon amour...

venerdì 14 novembre 2008

lunedì 10 novembre 2008

Omaggio a Miriam Makeba



Miriam Makeba è andata via.
Da grande artista, nonostante la febbre che la sfiniva da giorni, ha vissuto anche i suoi ultimi istanti su un palco, quello di Castel Volturno, luogo della strage che tutti non dobbiamo dimenticare . Lei ha lottato per tutta la vita contro chi i suoi diritti voleva negarglieli. Eroina con Mandela contro l'Apertheid in Sud Africa, la casa da cui per decenni è vissuta lontana, per l'esilio cui era stata condannata per le sue idee.
E ha chiesto a noi, poco prima che andasse via, di camminare insieme ai figli della sua Africa in un concerto di cui Roberto Saviano e la sua lotta solitaria sono più che una semplice fonte di ispirazione.

Aveva 76 anni.

mercoledì 5 novembre 2008

venerdì 31 ottobre 2008

My eyes

Deep in my heart, there's no room for crying,
but I'm trying to see your point of view
Deep in my heart, I'm afraid of dying,
I'd be lying if I said I'm not

Welcome in, welcome in,
Shame about the weather
Welcome in, welcome in,
It will come
It's a sin, it's a sin,
Where birds of a feather, are welcome to, land on you

Ya Ya Ya
You've got my eyes
We can see, what you'll be, you can't disguise
And either way, I will pray, you will be wise
Pretty soon you will see the tears in my eyes..

As each day goes by, it makes way for another,
We discover that we're not alone
And each day we try, the best we can to recover,
All the feelings that we left below

Welcome in, welcome in,
Shame about the weather
Welcome in, welcome in,
You will come
It's a sin, it's a sin,
Where birds of a feather, are welcome to, land on you

Ya Ya Ya
You've got my eyes
We can see, what you'll be, you can't disguise
And either way, I will pray, you will be wise
Pretty soon you will see the tears in my eyes..

Welcome in, welcome in,
Shame about the weather
Welcome in, welcome in,
You will come
It's a sin, it's a sin,
Where birds of a feather, are welcome to, land on you...

Ya Ya Ya
You've got my eyes
We can see, what you'll be, you can't disguise
And either way, I will pray, you will be wise
Pretty soon you will see the tears in my eyes...

Travis - The boy with no name (2007 )

domenica 28 settembre 2008

mercoledì 24 settembre 2008

Queen of mean #2


Sarah Palin (1964) candidata repubblicana alla vice-presidenza americana, e cacciatrice.

lunedì 22 settembre 2008

domenica 21 settembre 2008

Chi blogga per un anno...

Ed è dunque un anno che tento di esprimere qualcosa qui in questo luogo virtuale. E, in un qualche modo, credo, di essere riuscito. Magari non con risultati eccelsi... ma la mia l'ho detta.
Ringrazio coloro che sono stati fonte di ispirazione, quella sera del 20 settembre 2007, per la nascita di questo blog, Violetta e Anto.
Ora let's party!

giovedì 11 settembre 2008

sabato 30 agosto 2008

E rieccomi


Reduce da una estate vissuta intensamente, eccomi di nuovo a scrivere due righe qui nel mio caro blog. L'estate, si sa, non è il momento migliore per fermarsi a riflettere. E' molto meglio girare su se stessi e guardarsi attorno.
Io un pò c'ho provato.
In Francia, in Borgogna. E ho conosciuto un pò di gente, quasi nessun italiano e tanti-e svedesi-e. Magnum gaudium.

Tornato sul suolo natio ho poi ospitato degli amici di fuori a catania, ed è stato MARE.
Credevo peggio, invece ho gradito quei giorni sulla spiaggia. Non finisco mai di stupirmi.

Ora ho il vocabolario di greco che mi scruta dall'alto della libreria e una gran voglia di andar via da casa.

Sì, l'estate è proprio finita.

mercoledì 23 luglio 2008

Queen of mean #1


Anna Wintour (19??), inglese, direttrice di Vogue America.

Dicono di lei:
Il monarca assoluto, da Ancient Regime, della moda mondiale, è una regina tiranna, una Caterina o Maria de Medici dell'eleganza, quella massima star tra le famose "celebrity" del futile che è Anna Wintour, signora di cui la maggior parte degli italiani ignora giustamente l'esistenza, ma che da ormai 17 anni, come direttrice del più autorevole mensile di moda, Vogue America, tiranneggia non solo i suoi disperati dipendenti, ma anche l'intero mondo della bellezza e dell'eleganza, con la stessa implacabile freddezza con cui agli inizi del '600, dal suo castello nei Carpazi, la famosa Contessa Sanguinaria, ricoperta di gemme e trine, faceva golosamente fuori fanciulle e fanciulli.

Natalia Aspesi.


Musa e unica ispiratrice de Il diavolo veste Prada.
Ora che il suo Vogue è in apparente declino cosa accadrà? Ai posteri...


giovedì 17 luglio 2008

lunedì 7 luglio 2008

e QUI!!!!
E se non vi fosse bastato cliccate qui e qui e qui (u must!) e qui .
p.s. cliccate anche qui e ovviamente qui (u must!)
e quiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

She-devil: Karen Walker

domenica 6 luglio 2008

mercoledì 2 luglio 2008

sabato 28 giugno 2008

La seconda volta

Nulla due volte accade

Né accadrà. Per tal ragione

Nasciamo senza esperienza,

moriamo senza assuefazione.

Anche agli alunni più ottusi

Della scuola del pianeta

Di ripeter non è dato

Le stagioni del passato.

Non c’è giorno che ritorni,

non due notti uguali uguali,

né due baci somiglianti,

né due sguardi tali e quali.

Ieri, quando il tuo nome

Qualcuno ha pronunciato,

mi è parso che una rosa

sbocciasse sul selciato.

Oggi che stiamo insieme,

ho rivolto gli occhi altrove.

Una rosa? Ma cos’è?

Forse pietra, o forse fiore?

Perché tu, ora malvagia,

dài paura e incertezza?

Ci sei – perciò devi passare.

Passerai – e in ciò sta la bellezza.

Cercheremo un’armonia,

sorridenti, fra le braccia,

anche se siamo diversi

come due gocce d’acqua.

Wislawa Szymborska

martedì 24 giugno 2008

All I want is You

Notte di San Giovanni




"... unguento unguento
mandame alla noce de Benevento
supra acqua et supra vento
et supra omne maltempo ".

giovedì 19 giugno 2008

lunedì 16 giugno 2008

venerdì 13 giugno 2008

Viva la vida


Viva la vida è il titolo dell’ultimo quadro - una natura morta di cocomeri, i più popolari frutti messicani - dipinto da Frida Kahlo una settimana prima della sua morte, a 47 anni appena compiuti."Embolia" dissero i medici. Ma non furono in molti a crederci. Non è improbabile che si sia suicidata con una forte dose di barbiturici. Le ultime parole del suo diario dicono:
"Spero sia una partenza allegra e spero di non tornare più".

giovedì 12 giugno 2008

Spazio ai giovani


GianLuigi Rondi, classe 1921, è il nuovo presidente della Festa del Cinema di Roma.

Ah, l'Italia...

Veder greco a Kamarina - Convegno


La cattedra di Archeologia e Storia dell'Arte Greca e Romana dell'Università degli Studi di Catania, diretta dal Prof. Filippo Giudice, organizza, in collaborazione con l'Amministrazione Regionale dei Beni Culturali, un convegno dal titolo "Veder greco a Kamarina dal Principe di Biscari ai giorni nostri", che si svolgerà, dall'11 al 14 giugno, a Catania, Vittoria e Ragusa, con visita del Museo Civico di Catania e dei Musei Archeologici di Kamarina, Siracusa e Ragusa, le cui collezioni ospitano vasi attici e terrecotte provenienti da Kamarina.
Simbolicamente, il convegno sarà inaugurato, mercoledì11 giugno alle 17, con l'intervento del Magnifico Rettore e del Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia, presso il Castello Ursino, che ospita la collezione raccolta nel Settecento da Ignazio Paternò di Biscari, il primo a condurre indagini archeologiche a Kamarina.
I lavori saranno introdotti dagli Accademici dei Lincei proff. Antonino Di Vita, Giuseppe Giarrizzo e Paola Pelagatti. In contemporanea con il convegno, sarà presentato il volume "Veder greco a Kamarina dal Principe di Biscari ai giorni nostri", che contiene il catalogo di tutti i vasi attici provenienti da Kamarina e conservati in vari musei italiani e stranieri. Il catalogo è preceduto da una raccolta di saggi di studiosi europei ed extra-europei, che affrontano vari aspetti dell'archeologia camarinese, con particolare riferimento alla ceramica attica figurata e alla coroplastica. Le relazioni presentate nel corso del nutrito convegno saranno raccolte in un secondo volume, che si prevede di pubblicare in coincidenza con una mostra organizzata dal Museo Archeologico Regionale di Kamarina con i prestiti dei musei che ospitano vasi camarinesi.

Lovers in Japan/Reign of Love

Lovers, keep on the road you're on
Runners, until the race is run
Soldiers, you've got to soldier on
Sometimes even right is wrong

They are turning my head out
To see what I'm all about
Keeping my head down
To see what it feels like now
But I have no doubt
One day, we are gonna get out

Tonight maybe we're gonna run
Dreaming of the Osaka sun
Ohh ohh...
Dreaming of when the morning comes

They are turning my head out
To see what I'm all about
Keeping my head down
To see what it feels like now
But I have no doubt
One day the sun will come out

Reign of love
I can’t let go
To the sea I offer
This heavy load

Locusts will
Lift me up
I’m just a prisoner
In a reign of love

Locusts will
Let us stop
I wish I’d spoken
To the reign of love

Reign of love
By the church, we’re waiting
Reign of love
My knees go praying

How I wish
I’d spoken up
Or we’d be carried
In the reign of love


Coldplay Viva la vida and death and all his friends 2008

giovedì 8 maggio 2008

6 cose che amo fare.

Sono stato nominato da Violetta a comporre questo elenco di cose che amo.
Dopo attenta riflessione e messa in atto di ognuno dei punti sono pronto a condividerlo con la blogosfera.

1. Mi piace svegliarmi di primo mattino, vedere dalla finestra filtrare un bel sole, alzarmi fare una doccia e correre a lezione - ipod a tutto volume, Mgmt d'ordinanza - e arrivare un pò prima degli altri per avere il tempo di studiare un pò i tipi che cazzo arrivano sempre prima di me.

2. Mi piace cucinare per i miei parenti e i miei amici e sorprenderli con qualche roba nuova.

3. Mi piace viaggiare, staccare il biglietto (avete presente l'adrenalina che vi corre addosso quando vi ritrovate tra le mani quel passepartout per la fuga da tutto?) e correre via, lontano. E annusare, guardare e toccare un posto nuovo, assaggiarlo per poi conservarne il ricordo una volta tornati a casa.

4. Mi piace navigare su internet. Sì, stare anche ore a spulciare quello che questa rete offre, stare in contatto con amici che la distanza potrebbe allontanare; e, ovviamente, scaricare le mie serie tv preferite, guardarle in inglese dopo aver atteso con impazienza la traduzione dei sottotitoli su italiansubs.

5. Mi piace quando le persone mi dicono che mi vogliono bene e mi abbracciano, semplicemente.

6. Mi piace mettermi a letto, chiudere gli occhi e immaginare intensamente una vita migliore; cominciare a costruirla mettendo ogni cosa al posto giusto, e continuare a sognarla una volta addormentato. Funziona, credetemi.

E ora i miei sei nomi:

Loris
Carla
Daniele
Liz
Danilo
Alessandro

Le regole:
• Indicate il blog che vi ha nominato con annesso link
• Descrivete le regole di svolgimento
• Scrivete 6 cose che vi piace fare
• Nominate altri 6 blog tramite i quali dovrebbe proseguire il meme
• Lasciate un commento sui 6 blog nominati

mercoledì 7 maggio 2008

Cult movie #7


Il treno per il Darjeeling

p.s.
voglio l'intero set di valigie di Luis Vuitton usato in questo viaggio dell'anima.

mercoledì 30 aprile 2008

lunedì 28 aprile 2008

Viva la Vida or Death and All His Friends




Prepariamoci: domani alle 13.15 sarà disponibile dal sito dei Coldplay il download gratuito del primo singolo tratto dal nuovo album: Violet hill.
Il titolo sembra presagire quasi un'atmosfera opposta al titolo. Sentiremo. Il video di questo primo singolo è stato girato in Sicilia. Non ho parole!


Sono stati annunciati anche due concerti gratuiti, a Londra e a New York. Wow.

La macchina promozionale del nuovo lavoro di Chris e company è stata varata in grande stile, non c'è che dire.

Buona caccia al vinile del singolo (che sarà in vendita allegato al
settimanale inglese New Musical Express).

martedì 22 aprile 2008

lunedì 14 aprile 2008

I can't understand

Why does the sun go on shining?
Why does the sea rush to shore?
Don't they know it's the end of the world,
`cause you don't love me anymore?

Why do the birds go on singing?
Why do the stars glow above?
Don't they know it's the end of the world?
It ended when I lost your love.

I wake up in the morning and
I wonder why ev'rything's the same as it was.
I can't understand, no I can't understand,
how life goes on the way it does!

Why does my heart go on beating?
Why do these eyes of mine cry?
Don't they know it's the end of the world?
It ended when you said good-bye.

Skeeter Davis

domenica 13 aprile 2008

Taormina, Sicily.



Il titolo del nuovo album dei Coldplay è Viva la Vida (ricordate il famoso quadro di Frida?). Questa che ho postato è la track-list, inserita nel sito ufficiale da Chris Martin evidentemente durante il soggiorno qui in Sicilia, scritta di suo pugno.

Spero che la metà di giugno arrivi presto.

giovedì 3 aprile 2008

Overload

Mi guardo attorno e tutto muta e cambia con una velocità e un'asprezza ai limiti dell'assurdo. E non posso oppormi a questo fiume in piena, a questo Tsunami.

In tutto ciò non scorgo più la mia cara coerenza. No, non è una religione o una filosofia a negarmi la validità etico-morale della "coerenza" tanto amata: è l'esperienza sensibile che me lo insegna, che me lo impone.

Tutto è un incoerente e strambo flusso di cambiamenti ritorni abbandoni e ammucchiate la cui ratio è lungi dall'essere compresa.

Forse è necessaria una mente effettivamente non umana per giustificare e sublimare tutto questo strambo procedere dell'universo che ci circonda.

Ma io intanto non sento l'esigenza di adeguarmi, e guardo con nostalgia a quello che è stato quel lontano pomeriggio di febbraio e che mai sarà più. A quel che eravamo noi, tutti noi, e che mai più saremo.

Non confido nel mito dell'eterno progresso. Ma spero tanto nel mio caro codardo Ritorno.


martedì 1 aprile 2008

Il politometro


prendo spunto da Maelstrom e Violetta e Anto...

domenica 30 marzo 2008

sabato 29 marzo 2008

Ed è primavera...

E' primavera, e fioriscono fiori, amori e teste di minchia. Con la stessa intensità, con lo stesso slancio vitale. Giuro.
Il profumo delizioso e nauseante, a tratti, di ogni tipo di fiore che, romanticamente, fa da cornice a questi giorni sempre più afosi e caldi credo ubriachi e porti le menti a stati di alterata percezione della realtà.
In pratica ci si innamora.
Certo, la colpa non è soltanto delle belle giornate e della natura tutta in calore. Credo che il tutto sia da addebitare alla poesia e all'ormone impazzito. Da centinaia di anni con sta cazzarola di storia che in primavera si deve per forza cadere vittime di questa fattura crudele che è l'amore. Ma ste seghe mentali sentimentali non sono niente in confronto all'istinto primigenio al rimorchio primaverile.
Ok, il nonnino Sapiens Sapiens doveva darsi effettivamente pur da fare per trovare una donnina con cui perpetuare la specie. Ma ora cosa cazzo ci fanno impazzire a fare sti ormoni dato che il mondo è sovrappopolato? lo dicono anche le previsioni, disastrose. Se continuiamo a scopare e a riprodurci con tale impeto dovremo trovare una soluzione: magari clonare Hitler e lasciargli libero sfogo per almeno 50 anni.
Prima accennavo pure alle fiorite teste di minchia. Mi si dirà che in qualsiasi periodo dell'anno è un continuo rigoglio di tali esseri abbietti e inutil, il cui minchioneggiare è direttamente proporzionale alle calorie di una torta alla panna. Assolutamente inaccollabile.
Dicevo, è primavera e fioriscono teste di minchia. Non solo nel senso che a certuni la frizzante arietta primaverile sortisce effetti da far invidia al viagra, ma nel senso che essendo tutti in preda a questo delirio erotico e ormonale le teste di minchia abituali diventano ancora più urtanti del solito: vogliono accoppiarsi e cercano la testa di minchia giusta per perpetuare la loro sottospecie.

L'altra mattina mi sono ritrovato sull'ascensore con due esemplari vivi di teste di minchia, marito e moglie.

Trascrivo la conversazione.
lui - e che cazz
lei - smettila (contenendosi)
lui - Brutta Puttana (distintamente)
Uscendo dall'ascensore
lei -Impotente! (gridando)

mercoledì 26 marzo 2008

The sound of silence

Hello darkness my old friend,
I've come to talk with you again
Because a vision softly creeping
left it's seeds while I was sleeping
And the vision that was planted in my brain
still remains, within the sounds of silence

In restless dreams I walked alone,
narrow streets of cobblestone
'neath the halo of a streetlamp
I turned my collar to the cold and damp
when my eyes were stabbed by the flash of a neon light
split the night... and touched the sound of silence

And in the naked light I saw
ten thousand people maybe more
people talking without speaking
people hearing without listening
people writing songs that voices never share
noone dare, disturb the sound of silence

Fools said I you do not know,
silence like a cancer grows,
hear my words that I might teach you
take my arms that I might reach you
but my words, like silent raindrops fell...
and echoed the will of silence

And the people bowed and prayed,
to the neon god they made
And the sign flashed out its warning
in the words that it was forming
And the sign said, "The words of the prophets
are written on the subway walls, and tenement halls
and whisper the sounds of silence".

Simon & Garfunkel

lunedì 24 marzo 2008

Marzo pazzerello: esce il sole ma porta l'ombrello



Bellissima giornata trascorsa con amici e intingoli vari!
Mi sono divertito scovando in giro per il giardino le vare piante di Gianna. Siamo stati in spiaggia con Carlina Flavia Fra e Giannina a passeggiare nonostante il vento fortissimo. Che bello fare da vela e sentirmi in balia di un elemento naturale.
Peccato, non ho portato a casa la menta. L'ho dimenticata. Sarà stata colpa della pioggia assurda che ad un certo punto c'ha cacciato via!

Saluti a Gigi.

sabato 22 marzo 2008

sabato 15 marzo 2008

domenica 9 marzo 2008

Cent'anni di Nannarella


Gli occhi di Anna Magnani. Monumento del cinema mondiale.

Nacque dialettale e morì universale.


Roma, 7 marzo 1908 – Roma, 26 settembre 1973

sabato 1 marzo 2008

Hard Candy



Cinquantanni. Mezzo secolo.

Mon dieu!

venerdì 29 febbraio 2008

Vita tranquilla

Ho sempre pensato
Quando avrò questo sarò saziato
Ma poi avevo questo…ed era lo stesso
Ho sempre pensato
Troverò il mare e sarò bagnato
Il mare ho trovato… ma nulla è cambiato… nulla
Che cos’è… che io aspetto…
Io… voglio una vita tranquilla
Perché è da quando sono nato
Che sono spericolato
Io… voglio una vita serena
Perché è da quando sono nato… che è
Disperata… spericolata…
Però libera… verd’è sconfinata
Io dovrei… non dovrei
Ho sempre pensato
Quando avrò il cielo sarò stellato
Divenni una stella… ma ero lo stesso
Sempre lo stesso
Ho sempre pensato
Troverò lei e sarò rinato
Lei ho trovato… qualcosa è cambiato
Qualcosa è cambiato
L’ultima illusione non è svanita
Io libero per sempre
Io… voglio una vita tranquilla
Perché è da quando son nato che sono spericolato
Io… voglio una vita serena
Perché è da quando son nato… che è
Disperata… spericolata…
Però libera… verd’è sconfinata
Io dovrei… non dovrei
Io… voglio una vita tranquilla
Perché è da quando son nato che sono spericolato
Io… voglio una vita tranquilla
Perché è da quando son nato… che è
Disperata… spericolata…
Però libera… verd’è sconfinata
Io dovrei… no non dovrei...

Francesco Tricarico

lunedì 25 febbraio 2008

L'infida è tornata

Ho sentito oggi che è tornata. L'ho riconosciuta subito.
Il sole che splendicchia fin dal primo mattino. Le finestre aperte, e che restano aperte quasi fino a sera. Un certo odore che comincia a spandersi nell'aria.

E sento morirmi.

sabato 23 febbraio 2008

La cura

Ti proteggerò dalle paure delle ipocondrie,
dai turbamenti che da oggi incontrerai per la tua via.
Dalle ingiustizie e dagli inganni del tuo tempo,
dai fallimenti che per tua natura normalmente attirerai.
Ti solleverò dai dolori e dai tuoi sbalzi d'umore,
dalle ossessioni delle tue manie.
Supererò le correnti gravitazionali,
lo spazio e la luce
per non farti invecchiare.

E guarirai da tutte le malattie,
perché sei un essere speciale,
ed io, avrò cura di te.
Vagavo per i campi del Tennessee
(come vi ero arrivato, chissà).
Non hai fiori bianchi per me?
Più veloci di aquile i miei sogni
attraversano il mare.

Ti porterò soprattutto il silenzio e la pazienza.
Percorreremo assieme le vie che portano all'essenza.
I profumi d'amore inebrieranno i nostri corpi,
la bonaccia d'agosto non calmerà i nostri sensi.
Tesserò i tuoi capelli come trame di un canto.
Conosco le leggi del mondo, e te ne farò dono.
Supererò le correnti gravitazionali,
lo spazio e la luce per non farti invecchiare.
Ti salverò da ogni malinconia,
perché sei un essere speciale ed io avrò cura di te..
.
io sì, che avrò cura di te.


Franco Battiato Un soffio al cuore di natura elettrica

mercoledì 20 febbraio 2008

Generazione X

Se ricordi tutti e cinque i nomi delle Spice Girls, costumi orrendi compresi.
Se giocavi al nintendo 64.
Se eri un'appassionato di beverly hills 90210.
Se ascoltavi la musica alla radio, massimo col mangianastri!
Se compravi il calippo fizz alla cocacola e il luke e il piedone.
Se ricordi Sbirulino.
Se ancora ti stai chiedendo che fine abbia fatto carmen san diego
Se i power rangers erano il telefilm più bello del mondo e subito dopo venivano otto sotto un tetto e willy il principe di belair.
Se giocavi con l'hula hop.
Se i pattini avevano ancora quattro ruote NON in fila.
Se guardavi alvin superstar e le tartarughe ninja e i Puffi .
Se ricordi che Barbie era ancora sposata con Ken.
Se non esisteva mercoledì senza una copia del Topolino.
Se non esistevano internet e gli sms e ci si chiamava ancora a casa per mettersi d'accordo per le uscite.
Se mangiavi la girella per merende.
Se hai rivisto mille volte la sirenetta, la bella e la bestia e aladin e il re leone .
Se giocavi coi lego e crystal ball (che io non ho MAI avuto).
Se non ti perdevi la solita replica natalizia di Mamma ho perso l'aereo'
Se hai ancora la tua collezione di schede telefoniche.

Lo scopo di questo testo é quello di rendere giustizia a una generazione, quella di noi nati negli anni '80 (anno più, anno meno), quelli che vedono la casa acquistata allora dai nostri genitori valere oggi 20 o 30 volte tanto, e che pagheranno la propria fino ai 50 anni.
Noi non abbiamo fatto la Guerra, né abbiamo visto lo sbarco sulla luna, non abbiamo vissuto gli anni di piombo, né abbiamo votato il referendum per l'aborto e la nostra memoria storica comincia coi Mondiali di Italia '90, con la mascotte Ciao.

Per non aver vissuto direttamente il '68 ci dicono che non abbiamo ideali, mentre ne sappiamo di politica più di quanto credono e più di quanto sapranno mai i nostri fratelli minori e discendenti.

Babbo Natale non sempre ci portava ciò che chiedevamo, però ci sentivamo dire, e lo sentiamo ancora, che abbiamo avuto tutto, nonostante quelli che sono venuti dopo di noi sì che hanno avuto tutto, e nessuno glielo dice. Siamo l'ultima generazione che ha imparato a giocare con le biglie, a saltare la corda, a giocare a lupo mangia frutta, a un-due-tre-stella, e allo stesso tempo i primi ad aver giocato coi videogiochi, ad essere andati ai parchi di divertimento o aver visto i cartoni animati a colori.

La nostra prima tuta è stata blu con bande bianche sulle maniche e le nostre prime scarpe da ginnastica di marca le abbiamo avute dopo i 10 anni. Andavamo a scuola quando il 1 novembre era il giorno dei Santi e non Halloween, quando ancora si veniva bocciati, siamo stai gli ultimi a fare la Maturità e i pionieri del 3+2… Siamo stati etichettati come Generazione X e abbiamo dovuto sorbirci Sentieri e i Visitors, Twin Peaks e Beverly Hills. Abbiamo riso con Spank, pianto con Candy-Candy, ballato con Heather Parisi, cantato con Cristina D'Avena e imparato la mitologia greca con Pollon. Siamo una generazione che ha visto Maradona fare campagne contro la droga.

Ci ricordano sempre fatti accaduti prima che nascessimo, come se non avessimo vissuto nessun avvenimento storico. Abbiamo imparato che cos'è il terrorismo, abbiamo visto cadere il muro di Berlino, e Clinton avere relazioni improprie con la segretaria nella Stanza Ovale; siamo state le più giovani vittime di Cernobyl. Abbiamo imparato a programmare un videoregistratore prima di chiunque altro, abbiamo giocato a Pac-Man, odiamo Bill Gates e credevamo che internet sarebbe stato un mondo libero.

Siamo la generazione di Bim Bum Bam e del Drive-in. Gli ultimi a usare dei gettoni del telefono. Ci siamo
emozionati con Superman, ET o Alla Ricerca dell'Arca Perduta. Mangiavamo le Big Bubble, al supermercato le cassiere ci davano le caramelline di zucchero come resto.. Siamo la generazione di Crystal Ball ('con Crystal Ball ci puoi giocare…'), delle sorprese del Mulino Bianco, dei mattoncini Lego a forma di mattoncino, dei Puffi, i Volutrons, Magnum P.I., Holly e Benji, Mimì Ayuara, l'Incredibile Hulk, Poochie, Yattaman, Iridella, He-Man, Lamù, Creamy, Kiss Me Licia, i Barbapapà, i Mini-Pony, le Micro-Machine, Big Jim e la casa di Barbie di cartone ma con l'ascensore. La generazione che ancora si chiede se Mila e Shiro alla fine vanno insieme.

Guardandoci indietro è difficile credere che siamo ancora vivi: viaggiavamo in macchina senza cinture, senza seggiolini speciali e senza air-bag; facevamo viaggi di 10-12 ore e non soffrivamo di sindrome da classe turista. Non avevamo porte con protezioni, armadi o flaconi di medicinali con chiusure a prova di bambino. Andavamo in bicicletta senza casco né protezioni per le ginocchia o i gomiti. Le
altalene erano di ferro con gli spigoli vivi e il gioco delle penitenze era bestiale. Non c'erano i cellulari. Andavamo a scuola carichi di libri e quaderni, tutti infilati in una cartella che raramente aveva gli
spallacci imbottiti, e tanto meno le rotelle. Non avevamo 99 canali televisivi, dolby-surround, cellulari, computer e Internet;
ce la spassavamo giocando al gioco della bottiglia o a quello della verità.

Tu sei uno di nostri?

Cult movie #6

Lentamente... Muore?!?!?

martedì 19 febbraio 2008

lines that i couldn't change

In my place, in my place
were lines that i couldn't change
i was lost, oh yeah

i was lost, i was lost
crossed lines i shouldn't have crossed
i was lost, oh yeah

yeah, how long must you wait for it?
yeah, how long must you pay for it?
yeah, how long must you wait for it?

i was scared, i was scared
tired and underprepared
but i'll wait for you

if you go, if you go
and leave me down here on my own
then i'll wait for you

yeah, how long must you wait for it?
yeah, how long must you pay for it?
yeah, how long must you wait for it?

please, please, please
come back and sing to me
to me, me
come on and sing it out, now, now
come on and sing it out, now, now
come back and sing

in my place, in my place
were lines that i couldn't change
I was lost, oh yeah
oh yeah

Coldplay A rush of blood to the head

sabato 9 febbraio 2008

I sogni son desideri




"Voglio un marito con la bomba atomica"

Carla Bruni Tedeschi Sarkozy

Accontentata!

giovedì 7 febbraio 2008

domenica 3 febbraio 2008

Carnevale



Credo mi abbiano vestito da clown... avevo la febbre e non una gran voglia di uscire.
E dire che si cresce.
E si nota tutto da questa bellissima foto di quando avevo non ricordo però quanti (pochi)
anni.
Ero sul salotto della nonna e cercavo fin d'allora di accaparrarmi quell'oscuro oggetto del desiderio: il telefono!

sabato 2 febbraio 2008

Allora

Allora...in un tempo assai lunge
felice fui molto; non ora:
ma quanta dolcezza mi giunge
da tanta dolcezza d'allora!

Quell'anno! per anni che poi
fuggirono, che fuggiranno,
non puoi, mio pensiero, non puoi,
portare con te, che quell'anno!

Un giorno fu quello, ch'è senza
compagno, ch'è senza ritorno;
la vita fu vana parvenza
sì prima sì dopo quel giorno!

Un punto!... così passeggero,
che in vero passò non raggiunto,
ma bello così, che molto ero
felice, felice, quel punto!

Myricae - Giovanni Pascoli

Tributo a Audrey Hepburn

venerdì 1 febbraio 2008

Words are flying out


Non potevo esimermi dal commentare questa interessante notizia:
Across the Universe, indimenticabile brano dei Beatles scritto da John Lennon, verrà trasmessa nello spazio dalla Nasa il 4 febbraio alle 19.
È la prima volta che la rete di antenne utilizzate per coadiuvare l'esplorazione del cosmo diffonderà una canzone verso l'universo e non è un caso che sia stata scelta questa canzone dei fab Four (contenuta su Let It Be) il cui titolo sembra fatto apposta per l'ccasione.
I trasmettitori punteranno direttamente la Stella Polare, destinataria finale della melodia, distante 431 anni luce dalla Terra.
L'evento celebra tre anniversari che cadono contemporaneamente quest'anno: i 40 della registrazione di Across the Universe, i 45 dalla nascita del Deep Space Network e i 50 dal primo lancio di un satellite Usa, l'Explorer 1.